· Cosa vuol dire criptovaluta

Dividendo in due la parola otteniamo le parole ” cripto ” ( dal greco kryptós ) e ” valuta “, ovvero valuta nascosta. Nascosta perché il valore della valuta è digitalmente rappresentato tramite crittografia. Queste valute crittografate vengono quindi nascoste a chi non può leggerle, mentre chi può comprenderle le può cifrare con codici informatici. Le criptovalute hanno notevolmente segnato il settore finanziario. Una della più famose criptovalute è il bitcoin.

· Cosa sono e a cosa servono le criptovalute

Ma cosa sono le criptovalute? Sono valute virtuali che non esistono in forma reale, ovvero concreta e non le possiamo trovare sotto forma di contanti o monete; esse servono per la fruizione di beni e servizi, di scambi esclusivamente per via telematica in tutto il mondo. Nessuno controlla questo scambio, e un’attività autonoma perché i due soggetti che decidono di scambiarsi criptovaluta, lo fanno in maniera diretta senza aver bisogno di un intermediario; questo metodo di scambio è detto peer-to-peer. Essendo una valuta virtuale non ha valore legale e a tal proposito è necessario distinguere tra:

1. criptovaluta ” chiusa ”

2. criptovaluta ” unidirezionale ”

3. criptovaluta ” bidirezionale ”

Il bitcoin per esempio è una moneta virtuale bidirezionale perché può essere convertita con molte monete ufficiali e viceversa. Pochissimi sono i paesi che stanno provando l’uso di questa moneta virtuale ma ancora non hanno fornito un riscontro.

· Moneta e criptovaluta: differenze

La moneta in corso, e quindi legalmente riconosciuta, può essere usata come mezzo di pagamento e come unità di conto; con la moneta ufficiale possiamo acquistare beni e vendere servizi sul mercato globale. La moneta virtuale invece muta nell’arco della stessa giornata ed è difficile dare un valore in criptovaluta a beni e servizi; d’altra parte più verrà utilizzata per liquidare beni e servizi e più il suo valore aumenterà. Come si è detto in precedenza nessuna autorità controlla questi scambi con la moneta virtuale, a differenza della moneta legale soggetta anche a confische. La criptovaluta garantisce tutta la privacy di cui si ha bisogno e aiuta a sottrarsi all’inflazione. E se da un lato la moneta virtuale offre dei vantaggi, dall’altro porta svantaggi. Non essendo riconosciuta legalmente si è soggetti a frode fiscale. La moneta criptata infatti viene spesso usata per il riciclaggio di denaro sporco.

· Criptovalute di spicco

1. Bitcoin

2. Litecoin

3. Ethereum

4. Monero

5. Ripple

· Come si strutturano le criptovalute

Le criptovalute per funzionare hanno bisogno di una blockchain, di una catena di blocchi, che conserva tutta la cronologia delle transazioni, come un libro mastro, avvenuta tra i partecipanti detti ” nodi “. Il tutto segue un protocollo, ossia un insieme di regole, che mette in chiaro come devono avvenire queste transazioni, come ad esempio l’uso di una rete peer-to-peer che connette i vari nodi in maniera decentralizzata, quindi indipendente.

· Le migliori carte prepagate

Come per la moneta legale che può essere contenuta in una carta prepagata, anche la criptovaluta viene accumulata in carte prepagate. Si prediligono le carte per criptovalute (prepagate) perché il credito viene scalato direttamente dalla liquidità presente sulla carta e non dal conto corrente bancario.

Tra le carte prepagate più performanti e sicure ricordiamo:

1. N26 di nascita tedesca, è anche una carta di debito con circuito mastercard. Può essere collegata all’ iphone con Apple Pay e attivarla da qui. Una volta attivata carichiamo il credito e posiamo iniziare a fare acquisti. Esistono quattro versioni di questa carta, base, base business, N26You, N26 Metal ognuna delle quali ha diversi coti e limiti di credito. Dall’app si controlla il saldo e la procedura in caso di furto o smarrimento;

2. Uquid con circuito Visa è una carta di debito sia reale che virtuale la quale può essere collegata ad un conto Pay Pal e può essere ricaricata con valuta virtuale, così da fare acquisti sia in esercizi commerciali che su internet proprio perché la criptovaluta al momento dell’acquisto si trasforma in valuta reale; per attivarla basta andare sul sito di riferimento, registrarti, accedere al link che arriva via e-mail e confermare la registrazione. La card arriverà all’indirizzo indicato entro tre giorni lavorativi. Sempre collegandosi al sito si potrà fare richiesta di blocco in caso di furto o smarrimento;

3. Wirex fa parte del circuito Visa. Anche lei può essere virtuale o fisica e può essere ricaricata in entrambi i modi, con valuta virtuale o con moneta legale, tramite app. Sempre in app è possibile visualizzare il saldo e avviare la procedura in caso di furto o smarrimento.

4. Revolut è molto apprezzata dagli utenti. Per acquistare criptovalute bisogna essere in possesso di un conto metal o premium che si può aprire visitando l’omonimo sito. Questa prepagata è consigliata a chi ama viaggiare perché è un ottimo aiuto col cambio delle valute ed è anch’essa un circuito mastercard con IBAN inglese Non ha limiti di nessun tipo e scaricando l’applicazione si può controllare il saldo e bloccare la carta in caso di furto o smarrimento.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *