La keyword research è una componente fondamentale della SEO, nonché un elemento che moltissimi utilizzano all’interno del processo di gestione del proprio sito o del proprio dominio on-line. Si tratta di una procedura che non può essere sottovalutata in nessun modo, e che porta il proprio progetto editoriale, che si tratti di un blog o di una testata giornalistica, ad acquisire valore secondo le specifiche richieste dei motori di ricerca come Google. In altre parole, la ricerca di una parola chiave può avvenire attraverso una serie di strumenti e applicazioni di cui servirsi per effettuare ricerche di mercato e di tendenze. Ecco quali sono le migliori applicazioni da utilizzare per effettuare il cosiddetto fenomeno del keywords researching.

SEOzoom

La prima tra le applicazioni migliori per effettuare keywords researching non può che essere SEOzoom, un’applicazione 100% made in Italy ideata da SEOcube, agenzia di Napoli che ha fatto della vocazione della consulenza il proprio marchio di fabbrica

SEOzoom vanta un database di oltre 500 milioni di parole chiave, e permette di offrire una panoramica principale non soltanto di tutto il tessuto di mercato intorno ad una specifica keyword, ma anche di rendere necessaria e ottimale un’analisi a domini, siti e tutto ciò che c’è da sapere intorno a questi stessi. 

Non solo, dal momento che seozoom analizza anche il profilo backlink, gli investimenti dei competitor e controlla il proprio posizionamento giornaliero. Attraverso la versione Pro, il cui prezzo è di almeno €49, sarà possibile osservare tante altre panoramiche che risultano essere più complesse e migliori per la gestione nel proprio dominio.

SEMrush

Altra applicazione di grandissimo valore per effettuare la keyword researching è SEMrush, una piattaforma svizzera che risulta essere molto efficace nell’offerta dei mercati migliori che possono essere affiliati ad una determinata parola chiave. SEMrush permette non soltanto di offrire le migliori parole chiave per un determinato settore o nicchia di argomento, ma anche di suggerire dalle 5 alle 10 parole chiave migliori per battere la concorrenza di siti che operano all’interno dello stesso settore.

Inoltre, l’applicazione offre anche tendenze annuali di parole chiave, statistiche di distribuzione del CPC in tutto il mondo, analisi di difficoltà della parola chiave e tanto altro ancora. L’applicazione in questione offre una prova gratuita di 8 giorni, mentre il piano a pagamento ha un costo di almeno 83 dollari a mese, e viene fatturato ogni anno.

Long Tail Pro

In un meccanismo di evoluzione della Seo e delle sue caratteristiche, sempre più gestori di siti si affidano a parole chiave piuttosto lunghe, talvolta frasi per siti di nicchia che vogliono emergere in determinati settori poco battuti. Per questo motivo, Long Tail Pro offre tutte le caratteristiche necessarie alla realizzazione di prodotti editoriali e Seo che possano rispondere a queste specifiche necessità, attraverso metriche dettagliate sulle parole chiave, ricerca veloce e sicura di parole chiave a coda lunga, raccomandazioni per attirare traffico giornaliero convertibile in visite e, eventualmente, acquisti, ricerche di almeno 2500 SERP ogni 24 ore. Gli abbonamenti per Long Tail Pro risultano essere più economici rispetto ai due sopracitati strumenti, e hanno un costo di almeno 25 dollari al mese, se fatturati annualmente. Inoltre, il piano mette a disposizione anche altri strumenti più efficaci ma, allo stesso tempo, naturalmente più costosi.

Categorie: Seo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *